Home » Cavalieri Scelti » Võ Sư Davide Migliore 3° Dang

Võ Sư Davide Migliore 3° Dang

Võ Sư Davide Migliore 3° Dang - Phuong Long Italia

CAVALIERE DELLA TIGRE

 

 

Davide Migliore nasce a Milano il 22 gennaio 1975 e fin da bambino nutre un grande interesse per le arti marziali.

All'età di 13 anni inizia il suo percorso all'interno della scuola Qwan Ki Do, presso la palestra di arti marziali Dojo Ko Sen in Corso Lodi a Milano, dove riscontra subito quei sani valori che rappresentano la vera ricchezza delle Arti Marziali, le preziose abitudini, il rispetto, l'amicizia e la coesione di un gruppo che sarebbe presto diventato una seconda famiglia.

Il metodo di insegnamento è tradizionale e gli allenamenti sono molto impegnativi, tipicamente centrati sulla pratica ripetitiva delle tecniche di base e sul condizionamento fisico. 

 
Il giovane Davide non si lascia spaventare dalla fatica ma, al contrario, moltiplica i propri sforzi impegnandosi anche nel turno di allenamento degli adulti, dopo aver terminato il proprio. 

A 14 anni partecipa al suo primo stage estivo a Bertinoro, dove gode dell'opportunità di lavorare direttamente con il Su Truong M° Roberto Vismara e la sua equipe nazionale.

I duri allenamenti a stretto contatto con la prima linea della scuola, permettono a Davide di apprezzarne i valori di riferimento, l'alto livello di preparazione e le qualità tecniche. 

Ciò rafforza in lui la convinzione di aver finalmente trovato, nel Qwan Ki Do, la disciplina marziale che ha sempre immaginato e desiderato.

In questi stessi anni inizia ad affermarsi nelle competizioni di combattimento regionali, nazionali ed internazionali (Campionato Europeo Juniores, Tolone 1991), confermando una naturale predisposizione nel coniugare tecnica, qualità atletiche e spirito combattivo. 

Qualità, queste, che dal 1992 lo porteranno ad essere selezionato nella Nazionale di combattimento.

Il 1994 è un anno speciale per Davide e per il Qwan Ki Do, in quanto hanno luogo i primi Campionati del Mondo, organizzati proprio nel nostro Paese e Davide, anche se giovanissimo e neo Cintura Nera, ha l'onore di poter rappresentare l'Italia ai Mondiali. 

I Campionati del Mondo si riveleranno un successo, sia dal punto di vista organizzativo che per l'adesione e l'entusiasmo del pubblico. 

Davide, insieme a compagni d'avventura dello spessore di Luca De Toffol, Claudio Cantoro e tutti gli altri, dimostra l'efficacia di alcune tecniche tra le più spettacolari nel patrimonio delle arti marziali tradizionali, durante un reale combattimento.

Impossibile dimenticare gli esaltanti duelli durante la finale con la Nazionale Francese.
La determinazione di Antonio nel neutralizzare, con i suoi pugni, l'allora direttore tecnico della Francia. 
La grinta e la tenacia con le quali William ha affrontato l'impressionante carica del possente rivale, punta di diamante della squadra francese. 
La personalità ed il carisma di Davide nell'imporre sul quadrato le sue veloci combinazioni di calci e pugni.
 

Una grande manifestazione teatro di un'impeccabile dimostrazione di abilità tecniche e carattere combattivo da parte di tutti i nostri atleti! 

L'avventura nel Qwan Ki Do continua e Davide alterna alle soddisfazioni date dalle competizioni, sia di combattimento che di tecnica, le prime esperienze nell'insegnamento.

Approfittando anche degli stage e campi estivi come il Brallo, dove i giovanissimi praticanti iniziano ad abbracciare lo spirito formativo ed educativo della scuola marziale, Davide si cimenta nel ruolo di istruttore, con la passione e la tenacia di chi vuole percorrere il cammino per diventare insegnante, un giorno Maestro. 

Nel 2000, in occasione dei Campionati Europei di combattimento, è di nuovo protagonista sul "quadrato" aggiudicandosi il prestigioso trofeo, con la Nazionale italiana.

L'anno successivo è l'ultimo nel quale Davide si confronta con le competizioni, è giunto il momento di dedicarsi all'insegnamento in modo appassionato e maturo. 

Il momento di dare continuità al percorso di studi che gli permetterà di imparare a trasmettere le proprie conoscenze insieme a quello che è certamente il suo grande valore aggiunto, ossia la capacità di applicare la tecnica al combattimento, rendendo così tangibile la pratica delle Arti Marziali Tradizionali.

Phuong Long Italia

Unione Italiana Qwan Ki Do